Servizio clienti - email: info@ildubbio.com 

Luciano Zinnamosca

Luciano Zinnamosca
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mi chiamo Luciano Zinnamosca; sono nato nel 1947, nella provincia di Treviso. Vivo e opero a Verona.
Laureato all’Istituto Universitario di Architettura di Venezia nel 1972, dal 1974 svolgo la libera professione. Mi occupo di progettazione architettonica, finalizzata alla costruzione di edifici di abitazione e di interesse collettivo, piazze, giardini; di restauro, di architettura di interni e disegno di arredi. Dal 1990 svolgo consulenza e progettazione di nuove costruzioni e ristrutturazioni secondo i criteri della Bioarchitettura e del Feng Shui, con particolare attenzione all’utilizzo di energie rinnovabili ed al contenimento dei consumi energetici. Ho approfondito diverse tecniche per il riequilibrio, l’armonizzazione, e la pulizia energetica (Space Clearing) degli spazi abitativi e di lavoro. Dal 1989 ad oggi, mi sono occupato, in modo prevalente, della progettazione di Alberghi e Centri benessere curando, in modo particolare, lo studio degli interni e degli arredi, con la precisa convinzione che il benessere, sia spirituale che fisico dell’individuo, non può prescindere dalla qualità dei luoghi e degli spazi in cui egli vive.

Appassionato di scultura, fino dagli anni del liceo, ho sperimentato l'uso della creta e di altri materiali plastici. Molte delle mie opere, realizzate in creta, sono state fuse in bronzo. Le mie opere, esposte solo di recente, sono state ospitate da alcune gallerie, quali: Incorniciarte a Verona, Sala Municipale di Lazise, Spazio d'arte e di cultura “Sei A” a Milano.

Attualmente mi interesso anche di elaborazioni fotografiche che io stesso definisco: “foto-fusioni”, utilizzando varie tecniche di sovrapposizione di immagini digitali.

Ho sempre pensato che “fare architettura” come il “fare”, più in generale, non volesse significare l’esercizio di un mestiere, bensì ricercare l’armonia, la sua estasi, la sua pace. Allora il “fare” non è il fine, ma solo strumento per poter finalmente “essere”.

Luciano Zinnamosca